Google ed i siti mobile

Per Google il mobile diventa il dispositivo predefinito

Fino al 4 Novembre 2016 Google leggeva i siti web simulando un dispositivo desktop (tipo pc) ed un dispositivo mobile (tipo smartphone) per capire se il sito era compatibile e soddisfava determinati requisiti.

Vedendo però che è sempre maggiore il pubblico che utilizza la navigazione da mobile, Google ha deciso di cambiare metodo e la valutazione della parte mobile è diventata (dal 4 Novembre 2016) il dispositivo predefinito con cui il motore di ricerca scansiona, legge e interpreta i siti web. 

Questo significa che:
- è diventato fondamentale, anche ai fini dell'indicizzazione, che il sito web sia responsive (cioe' ottimizzato per la navigazione da qualsiasi dispositivo);
- è importante che i contenuti siano allineati, vale a dire che il sito per pc e quello per mobile devono presentare gli stessi contenuti (e non un numero inferiore nella versione mobile)

Cosa cambia con il Mobile-First Indexing?
Per quei clienti che hanno già un sito responsive non cambierà nulla, eccetto alcuni parametri dal punto di vista tecnico.

Per quei siti che non sono "al passo" e non soddisfano alcun requisito di mobilità, si consiglia di adeguarsi quanto prima.

Per maggiori informazioni potete contattarci senza impegno.